domenica 24 aprile 2011

AYRTON SENNA


Essendo appassionato di motori voglio dedicare questo post al pilota che è stato, in assoluto, il migliore al mondo: Ayrton Senna.
Nato a San Paolo (Brasile) il 21 marzo 1960 questo ragazzino a pochi anni dalla sua nascita già sentiva odore di motori e scalpitava all'idea di 4 ruote sotto di se.
Raggiunta l'età di 13 anni cominciò a buttare le basi sui Go-Kart vincendo il campionato Junior nel 1973, successivamente nel 1977-78 quello Sudamericano e Brasigliano. Una volta arrivato in Italia per conquistare l'Europa, agonisticamente parlando, sfiorò la vittoria mondiale nel 1979-80.
I suoi sacrifici stavano dando i suoi frutti, cosi nel 1981 debuttò nel campionato britannico Formula Ford 1600 vincendolo, e nell'anno successivo vinse anche il campionato britannico Formula Ford 2000. Nel finale di stagione debuttò nell'ultima prova del campionato di Formula 3 conquistando pole, vittoria e giro più veloce in gara. 
Finalmente l'arrivo in Formula 1 nel 1984 al volante della Toleman-Hart, dove diede prova del suo talento, in particolare nel Gran Premio di Monaco dove fece un secondo posto sotto la pioggia. Viste le sue brillanti performance molti Team buttarono gli occhi su di lui per la stagione successiva ma ad ingaggiarlo fu la Lotus per ben tre stagioni consecutive. Con questa macchina ottenne la sua prima vittoria in Formula 1 e, oltre ad altre vittorie, numerosissime pole position.


Poi la consacrazione con la McLaren, dove trovò come compagno di squadra Alain Prost denominato "Il professore" per la sua dote tattica nel vincere i campionati. Questa convivenza segnò la Formula 1: i migliori piloti al mondo sulla miglior monoposto al mondo.
Questo binomio Senna-Prost segnò quella che considerò la miglior "Formula 1" di tutti i tempi anche se la politica scorretta non ha esitato a mancare, ma almeno si è visto "il vero spettacolo" di cui oggi giorno si sta tentando di creare visto che, l'introduzione di certe regole, lo ha praticamento ridotto al minimo.
Due galli nel pollaio si sà.... non vanno d'accordo. Fu cosi per un lungo periodo. Il più bello.
Con la sua McLaren dettò legge su quasi tutte le piste e diventò per ben 3 volte Campione del mondo (1988 / 1990 / 1991).

  
Quello che è successo quel Primo Maggio del 1994 tutto il mondo lo sa, non voglio soffermarmi, ma ricordarlo per quello che è stato sia come pilota che come uomo. La sua bontà, la sua onestà e il suo amore verso il prossimo è ciò che ha distinto Ayrton da qualsiasi altro pilota al mondo. Quella che lui chiamò "La seconda possibilità" oggi è realta e concretezza. Grazie a lui e all' Istituto Ayrton Senna che sua sorella Viviane realizzò dopo la sua morte, oggi i bambini meno fortunati del Brasile possono contare su persone che attraverso questo istituto danno loro un futuro migliore.

Grazie Ayrton!


TVR002

Nessun commento:

Posta un commento