venerdì 21 febbraio 2014

EB 110 MADE IN ITALY


Macchine di questo calibro non devono passare nel dimenticatoio motoristico! Mi sono sempre chiesto come mai di quest'auto se ne è parlato poco... Bhe oggi la riporterò in vita per quanto possa fare!
Innanzitutto l'auto di cui vi parlerò è nata a Modena, terra dei motori, per la precisione a Campogalliano, è già questo mi sembra un buon punto di partenza.
Dopo la morte di Ettore Bugatti (1963) segui un periodo di sufficiente gestione dell'azienda, la cessione alla casa francese Hispano-Suiza fino all'arrivo di Romano Artioli. Il noto imprenditore italiano, sul finire degli anni '80, acquisì a tutti gli effetti i diritti della Bugatti e decise di rilanciarla dando vita nel 1989 al primo prototipo di una supercar.
Nel 1990 l'auto era a tutti gli effetti pronta per essere commercializzata ma per precisa scelta aziendale si attese un anno cosi da poterla dedicare al suo fondatore a 110 anni dalla nascita. Il nome scelto non a caso fu EB 110.  
Due erano le versioni di questa belva: la GT (Gran Turismo) e la SS (Super Sport).

Bugatti EB 110 GT
Il Modello GT era spinto da un motore 12 cilindri sovralimentato da 4 turbocompessori capace di erogare 560 cv che, con la trazione integrale permanente e un peso totale di 1.620 Kg., scattava da 0 a 100 km/h in 3,5 secondi raggiungendo una velocità massima di 342 km/h. La EB 110 GT fu l'auto più veloce al mondo all'epoca.
Una nota curiosa della versione GT è che nel 1994 un esemplare venne modificato inserendo un impianto a Metano. Portandola da 560 a 650 cv di potenza questa automoblile raggiunse sul circuito di Nardò il record mondiale di velocità con i suoi 344,7 km/h.

Bugatti EB 110 SS

La versione SS più cattiva è l'evoluzione dell'ormai potentissima GT. Tante sono le differenze rispetto a quest'ultima, a partire dai cerchi a 7 razze, nuove prese d'aria per il motore poste vicino ai vetri laterali e infine un alettone fisso e non piu a scomparsa come nella versione GT. Le ruote motrici da 4 passarono a 2 posteriori che, insieme ad altre modifiche, resero questa versione ancor piu leggera arriavando a pesare 1470 Kg. La EB 110 SS è ancor piu potente rispetto alla GT perchè la cavalleria del motore salì da 560 a 610 cv permettendo a questa belva di raggiungere i 351 km/h con un'accelerazione da 0 a 100 Km/h in 3,3 secondi. Inoltre fu la prima auto stradale che in meno di 20 secondi percorse la distanza di 1 KM con partenza da fermo.
Una piccola curiosita: nel 1994 Michael Schumacher dopo aver visitato la fabbrica Bugatti di Campogalliano decise seduta stante di acquistare una EB 110 SS color giallo banana. 
Ricordare queste supercar è sempre bello ed emozionante, anche non ha avuto il successo sperato e meritato. Magari avessi la possibilità di poterla guidare. Chissà.. 

TVR002


 





Nessun commento:

Posta un commento